FM72 Corso sicurezza scaffalature (PRSES) torna all'elenco completo

Formazione tecnica per addetti alla sicurezza dell’attrezzatura di immagazzinaggio (PRSES - UNI EN 15635:2009). Utilizzo e manutenzione dell’attrezzatura di immagazzinaggio.

Valevole come aggiornamento (per tutti i macrosettori ATECO - 4 ore):

  • quinquennale per RSPP/ASPP (ai sensi del D.Lgs.81/08 art. 32 c.6 );
  • triennale per formatori su salute e sicurezza sul lavoro: 2 ore area tematica 1 e 2 ore area tematica 2(ai sensi del D.I. 06/03/2013);
  • quinquennale per Datore di Lavoro RSPP (ai sensi del D.Lgs.81/08 art. 34 c.3);
  • quinquennale per Dirigenti e quinquennale per Preposti (ai sensi del D.Lgs.81/08 art. 37 c.7 e Accordo Stato Regioni 21/12/2011)

Edizioni

Sei interessato a questo corso? Per informazioni e iscrizioni contattaci a formazione@3isrl.it o +39 0131 22 36 00!

Descrizione del Corso

Molti incidenti sul lavoro avvengono negli ambienti e nelle attività correlate allo stoccaggio di merce su scaffalature, per la mancanza di sicurezza dei supporti non correttamente verificati e manutenuti (danneggiati e/o in cattivo stato), a seguito della caduta della merce immagazzinata, a causa di urti accidentali di veicoli e/o carrelli elevatori contro le strutture, ecc. Le prescrizioni di sicurezza in merito alla stabilità e solidità delle strutture ed alla viabilità del magazzino, sono precisate nel D.Lgs.81/08 con particolare riferimento agli artt, 63 e 64 e nell’allegato IV. Oltre al Decreto Legislativo n. 81/2008, per la sicurezza dei magazzini si può fare riferimento a varie norme tecniche,in particolare la UNI EN 15635 fornisce specifiche indicazioni sugli aspetti operativi per la sicurezza strutturale delle scaffalature. La norma minimizza i rischi e le conseguenze di operazioni non sicure o i danni alla struttura anche attraverso verifiche regolari della struttura della scaffalatura che devono essere condotte durante il suo ciclo di vita. È pertanto obbligo del Datore di Lavoro: - disporre di scaffalature idonee in relazione alle caratteristiche del carico da stoccare (con indicazione portata, ecc.) adeguatamente installate, protette. - realizzare un'idonea viabilità interna al magazzino affinchè risulti possibile il transito di pedoni e mezzi in piena sicurezza - individuare, nominare e preparare adeguatamente una persona responsabile della sicurezza delle attrezzature di stoccaggio presenti in azienda (PRSES) - affidare ad un tecnico esterno afferente ad Ente Terzo Indipendente l’esecuzione di ispezioni periodiche, ad intervalli non superiori ai 12 mesi, finalizzate a sottoporre un resoconto scritto al responsabile PRSES e al Datore di Lavoro, con osservazioni ed eventuali proposte per gli interventi ritenuti necessari alle garanzie di sicurezza - organizzare un servizio di ispezione periodico allo scopo di valutare lo stato di conservazione/effici

Destinatari del Corso

Il corso si rivolge ai Datori di Lavoro, Dirigenti e Preposti, RSPP e ASPP, RSPP Datore di lavoro e lavoratori addetti a organizzare il servizio o a ricoprire la funzione di responsabile della sicurezza delle attrezzature di stoccaggio presenti in azienda (PRSES)

Obiettivi

Scopo del corso è di fornire gli elementi di completamento alla preparazione del personale che svolge la funzione di responsabile della sicurezza delle attrezzature di stoccaggio presenti in azienda (PRSES), con particolare riguardo all'acquisizione delle necessarie conoscenze teoriche e pratiche Scopo del corso è di fornire gli elementi di completamento alla preparazione del personale che svolge la funzione di responsabile della sicurezza delle attrezzature di stoccaggio presenti in azienda (PRSES), con particolare riguardo all'acquisizione delle necessarie conoscenze teoriche e pratiche.

Programma

Unità 1: FONDAMENTI GIURIDICI (Docenza a cura di Gianluca Penna—SPRESAL ASL AL)

  • Legislazione e normativa sicurezza applicabile
  • La manutenzione programmata
  • Figure di responsabilità
  • Responsabilità della validazione della scaffalatura
  • Datore di lavoro e Dirigente: la responsabilità di vigilare

Unità 2: ANALISI DI UN CASO REALE DI INFORTUNIO (Docenza a cura di Gianluca Penna—SPRESAL ASL AL)

Unità 3: MODALITA’ E PERIODICITA’ DELLE ISPEZIONI

Unità 4: GESTIONE DELLE NON CONFORMITA’

  • Nomenclatura
  • Cenni di calcolo strutturale e Targa di portata 
  • Deformazioni delle spalle e dei correnti
  • Le spine di sicurezza
  • Tolleranze di verticalità
  • Pavimentazioni e corsie
  • Verifica sullo stato di conservazione
  • Protezioni contro l’impatto
  • Classificazione delle deformazioni
  • Unità di carico e Pulizia delle corsie

Unità 5: Modello check list ispezione annuale

  • Esempi applicativi della check list

Prova finale di apprendimento: accertamento di apprendimento, con prove a quiz sui contenuti del corso.